Nvidia CEO

Il CEO di Nvidia conferma l’arrivo imminente di tablet quad-core

Nicola Ligas

Sembra che questo sia un momento di particolare loquacità per i dirigenti di note aziende del settore: dopo le parole di Eric Schmidt su Ice Cream Sandwich, è il turno di Jen-Hsun Huang di sbottonarsi un po’ sul futuro della sua Nvidia, nel quale intravede quad-core, profitti record ed anche tanti tablet Android.

Durante l’anno fiscale 2013 l’azienda guidata da Mr Huang si aspetta di guadagnare intorno ai 5 miliardi di dollari, e proiettandosi nel futuro tale cifra salirebbe fino a 20 miliardi nel 2015. Se da una parte fattori esterni potrebbero influenzare l’avverarsi o meno di tali previsioni (non da ultimo le battaglie in tribunale per i brevetti), dall’altra il CEO di Nvidia non sembra molto preoccupato del loro impatto attuale, dato che “ora come ora sono molto rumore per nulla”. Il fatto che, secondo le sue previsioni, ci saranno 100 milioni di dispositivi che avranno bisogno dei suoi chip quest’anno pare rincuorarlo molto e, nonostante le passate critiche, Huang si aspetta che il 50% del mercato tablet sia assorbito da Android nel prossimo futuro, affermando che al momento il 70% degli slate ed il 50% degli smartphone montano chip Nvidia; ciò farebbe della società una quasi-monopolista, con un solo rivale: “siamo gli unici seriamente in ballo, assieme a Qualcomm”, avrebbe infatti affermato l’abbronzatissimo CEO.

Il futuro a breve termine ci riserverà l’avvento dei primi quad-core, che arriveranno tra il terzo ed il quarto trimestre di quest’anno su alcuni tablet, mentre per gli smartphone dovremo attendere il 2012 (ma questo in fondo lo sapevamo già). Tutto ciò senza dimenticarsi della produzione di GPU che ha reso celebre l’azienda, che ora sembra indirizzata anche sui chip wireless enabled, data la recente acquisizione di Icera.

Insomma, rose, fiori e anche nettare ed ambrosia: troppo ottimismo nelle parole di Mr. Huang? Ma soprattutto, Android conquisterà davvero il 50% del settore tablet in tempi ragionevoli?

Fonte: Fonte
NVIDIAqualcomm