4G

Inizia oggi l’asta per le frequenze 4G

Nicola Ligas -

Spesso in campo informatico il divario che ci separa dall’America è alquanto evidente, almeno in termini tecnologici, e la rete 4G che negli USA è realtà già da tempo non fa eccezione (anche se per la verità è per lo più un 3G evoluto, al momento). Le cose però iniziano a muoversi anche qui da noi, tant’è vero che oggi inizierà l’asta per l’assegnazione delle frequenze in oggetto, e la base di partenza non è certo delle più leggere: 2,3 miliardi di euro.

Le frequenze di banda da assegnare sono 800, 1800, 2000 e 2600 MHz, attorno ad esse si svilupperà la rete mobile prossima ventura: si tratta in pratica delle frequenze lasciate libere dalle TV dopo il passaggio al digitale terrestre, ed ovviamente i 4 principali operatori telefonici sono tutti lì pronti a contendersele: H3G, TIM, Vodafone e Wind. La gara si svolgerà con rilanci sull’ultima offerta di almeno il 3%, ed il risultato sarà consultabile sul portale del ministero dello Sviluppo economico. Gli importi allo Stato dovranno poi essere versati entro il 30 settembre prossimo, ma le frequenze non saranno disponibili da subito, perché le TV “migranti” hanno tempo fino al termine del 2012 per liberarle. Come dire: per il 4G in Italia c’è ancora tempo. Secondo voi chi vincerà?

Ringraziamo Giulio per la segnalazione.

Fonte: Fonte