recensione_ondaandysmart

Onda Andy Smart, la recensione completa

Emanuele Cisotti

Dual SIM e Android fino ad oggi non erano un binomio particolarmente popolare. Almeno fino a quando Onda non ha deciso di cambiare le carte in tavola con il suo Andy Smart.

Onda, fino ad oggi era conosciuta principalmente per i suoi prodotti a marchio TIM (come le chiavette USB), ma questa volta, l’azienda italiana ha scelto di puntare tutto su Android.

Confezione

Priva di sorprese: batteria, auricolare, alimentatore e microSD da 2GB.

7

Costruzione ed ergonomia

Lo smartphone è molto compatto ed è costruito di materiali abbastanza economici, anche se in generale è assemblato abbastanza bene. La parte meno convincente è quella dei tasti fisici: piccolo quello di accensione e poco solidi quelli del volume.

6

Hardware

L’hardware di Andy Smart è ai minimi possibili: CPU da 600MHz, 256MB di RAM, 512MB di memoria interna. Il WiFi è alla versione b/g e sono pochi i sensori presenti (assente luminosità e prossimità). A fare da contrappeso però abbiamo la doppia antenna e il grande led di notifica multi colore posto nella parte inferiore del dispositivo.

7
Scheda Onda Andy Smart

Touchscreen e display

Lo schermo è piccolo ma abbastanza luminoso, anche se, nonostante la risoluzione di 320×480 pixel, in certe situazioni appare un po’ sgranato. Buona la risposta al touchscreen, anche se l’hardware non aiuta particolarmente nella responsività generale del sistema.

7

Software

Android stock e poco più è quello che troviamo all’accensione del nostro Andy Smart. Troviamo però qualche piccola sorpresa che abbiamo gradito: il software per la gestione del generoso led, un piccolo gioco, un’applicazione per la push mail e QuickOffice. Ci sono alguni bug software (di cui abbiamo parlato anche nella videorecensione), ma l’azienda si sta muovendo rapidamente per risolverli e in parte sono già “fixati” con un aggiornamento di pochi giorni fa. Buona anche la gestione della doppia SIM (solo una UMTS), con possibilità di configurarle singolarmente e scegliere in pochi passi quale tenere attive.

Software: Multimedia

Non è un telefono per il multimedia, ma comunque troviamo (molto gradita) la radio FM.

Software: Browser

Funziona il pinch-to-zoom, ma il sistema è comunque non troppo reattivo e forse non propriamente adatto ad una navigazione web soddisfacente. In ogni caso siamo rimasti colpiti dalla generale fluidità del browser nonostante il processore da 600MHz.

6

Autonomia

Buona con una sola SIM, notevolmente ridotta se usiamo due SIM contemporaneamente. Basti pensare a quanto influisce la qualità del segnale sulla carica della batteria, per capire che la qualità di due segnali possono intaccare notevolmente la durata della batteria. Comunque accettabile per chi ha realmente bisogno di usare 2 sim contermporaneamente (magari disattivando la connessione dati quando non serve).

7

Prezzo

Il prezzo di 229€ è alto se paragonato ad altri smartphone con hardware simile, ma molto contenuto se pensiamo a Andy Smart come l’unico vero smartphone dual SIM Android.

7

Giudizio Finale

Nonostante i voti sopra non siano stati molti larghi, siamo comunque rimasti soddisfatti da questo dual SIM. In conclusione: da evitare per chi cerca uno smartphone Android qualunque, scelta obbligata per chi ha bisogno di un dual SIM e vuole provare l’esperienza Android.

7

Videorecensione

Test Foto

Sample Foto Onda Andy Smart

Test Video

Sample video Onda Andy Smart

Galleria

Recensionevideo