Frammentazione

Gingerbread prende piede, ma FroYo è ancora il sistema più utilizzato

Giuseppe Tripodi

 

Come avrete intuito dal titolo, ancora una volta siamo qui a parlarvi della distribuzione delle versioni di Android presenti sul mercato.
Il grafico ha bisogno di ben poche spiegazioni, FroYo regna ancora sovrano taccheggiato da Gingerbread, nonché da un Eclair che non vuole scomparire.

L’abbiamo sempre detto e lo ribadiremo: la frammentazione è la faccia della medaglia che finora ha maggiormente penalizzato Android, ma speriamo che questo fattore scompaia presto. D’altronde, gli accordi che Google ha preso con le aziende lasciano ben sperare: i nostri device dovranno essere aggiornati almeno per 18 mesi.

Ma attualmente la situazione è ancora quella che potete vedere dal diagramma a torta in altro, o meglio ancora dalla tabella successiva: Android 2.2 è ancora presente sulla maggior parte degli smartphone; sul podio, subito dopo troviamo la versione successiva (2.3) e quella precedente (2.1). Inoltre, compare questa volta un timido Honeycomb che racimola lo 0,9% totale.

C’è sempre da ricordare, comunque, che se le percentuali delle ultime versioni sono relativamente alte il merito non va solo alle aziende che rilasciano gli update, ma anche a tutti quei developer indipendenti che ci regalano quotidianamente ottime ROM cucinate.

Concludendo, alleghiamo un ultimo grafico che mostra la crescita delle versioni di Android monitorata per due settimane (il giorno del termine dell’osservazione è il 5 luglio).

Dopo aver visto tutti questi bei grafici colorati, cosa ne pensate? E, soprattutto, che versione Android avete sul vostro dispositivo?

Fonte: Fonte