cupppunkthishandson11

CUPP PunkThis: la scheda che sposa ARM e x86

Nicola Ligas

Sposare le piattaforme x86 ed ARM in un unico dispositivo, questa è la “magia” che CUPP si propone di realizzare, e direttamente dalle ceneri ormai fumanti del Computex possiamo ammirare la loro ultima creazione: il PunkThis.

Questo prodotto vorrebbe rimpiazzare il classico hard disk SATA da 2.5 pollici, tramite una scheda nella quale troviamo un completo sistema ARM-based assieme ad una socket mini-PCIe, capace di alloggiare una più piccola SSD SATA a rimpiazzare lo spazio di memoria mancante per l’host x86.

PunkThis è basato sulla CPU ARM Texas Instruments DM3730 a 1GHz  con 512 MB di RAM che include anche il modulo WiFi e tutti i cavi e connettori per interfacciare la scheda con video, audio, e USB presenti sul computer host.

E cosa c’è di meglio di un bel netbook Android/Windows 7 per mostrare una demo di tutto ciò? Evidentemente nulla, perché come potrete vedere anche dal video a fine articolo, il portatile su cui è installata PunkThis  gira grazie ad Android 2.3 (sebbene carente del supporto WiFi) e a Windows 7, che è gestito dal processore Atom presente. Per cambiare sistema operativo basta premere una hot-key, ed anche la batteria dovrebbe trarne giovamento, dato che quando la CPU x86 è spenta, lo è anche la relativa scheda.

PunkThis fornisce anche due slot microSD, uno, da usare come memoria di sistema per il sistema operativo basato su ARM (ovvero Android, in questo caso), l’altro da usare come spazio condiviso tra i due SO.

Il prezzo dovrebbe restare entro i 200$ e la scheda dovrebbe essere disponibile in 8 settimane. Tutto troppo esagerato? Da una scheda che si chiama “PunkThis” come potevate aspettarvi di meno? Video e galleria a seguire. Chi di voi sarebbe interessato?

Fonte: Fonte
armcomputexvideo