antutu

AnTuTu System Benchmark: diamo i punti ai nostri Android

Nicola Ligas

Con l’uscita dei nuovi modelli dual-core si è parlato molto di benchmark ultimamente, spesso non senza qualche polemica di fondo circa l’affidabilità di alcuni programmi. Oggi vogliamo presentarvi System Benchmark di AnTuTu, software che ci ha particolarmente convinti per varietà e completezza dei test che effettua.

Lasciando quindi un attimo da parte gli arcinoti Quadrant, Neocore o Linpack, vediamo cosa ci offre AnTuTu. L’applicazione ha una grafica pulita e ordinata, divisa in 4 tab: troviamo curiosamente la scheda per effettuare i test al secondo posto (ce la saremmo aspettata al primo), mentre invece ad accoglierci all’avvio è proprio il sommario dei punteggi ottenuti dal nostro dispositivo. Nel terzo tab troviamo la classifica mondiale, cui possiamo ovviamente inviare i nostri record per visualizzare la posizione che occupiamo; infine abbiamo una scheda che raccoglie tutte le informazioni più essenziali sul nostro terminale, dal processore all’IMEI.

Veniamo dunque al benchmark vero e proprio: mettetevi comodi perché ci vorrà un po’ di tempo, ogni aspetto del sistema verrà testato a fondo ed al termine potrete visualizzare il classico istogramma stile Quadrant e consultare i singoli risultati in formato testuale. Prima dicevamo di aver trovato particolarmente esaustivi i test effettuati, vediamo dunque quali sono:

  • analisi della memoria
  • CPU operante sugli interi
  • CPU operante in virgola mobile
  • grafica 2D
  • grafica 3D
  • database I/O
  • scrittura su scheda SD
  • lettura su scheda SD

L’analisi della scheda SD, in particolare, è un dettaglio che non si trova molto spesso in altri benchmark e che invece può spesso condizionare in un senso o nell’altro le performance di uno smartphone: inutile lamentarsi di uno scarso punteggio se si ha anche una scheda di memoria di bassa qualità.

Trovate il box con i link per il download, gratuito, dopo una piccola fotogallery. E coi che punteggio avete?