asus_eee_pad_transformer_sg_18-570x500

Asus Eee Pad Transformer hands-on

Nicola Ligas -

Vedendolo comodamente alloggiato sulla sua tastiera difficilmente riuscireste a distinguere l’Eee Pad Transformer da un netbook “classico”, a meno che non vi mettiate a tirarlo, finendo per dividerlo in due come accade nello spot-parodia di The Big Bang Theory.

Presentammo una prima preview del tablet di Asus (ma lo si potrà davvero chiamare così?) più di due mesi fa in concomitanza col CES di Las Vegas, dove era in buona compagnia dei fratelli Eee Pad Slider e MeMO, dei quali si sono per la verità un po’ perse le tracce. A distanza quindi di un po’ di tempo siamo in grado di presentarvi quello che sarà l’Eee Pad Transformer così come lo troveremo sugli scaffali dei negozi: riuscirà ad insidiare la numerosa concorrenza? Giudicatelo da voi.

Hardware

Il tablet misura 271 x 177 x 12.98 mm e pesa 680g, non certo valori da primato, specie se andiamo a vedere i nuovi Galaxy Tab, ma comunque adatti a tenerlo sempre con noi. Curiosando lungo la scocca troviamo una mini HDMI 1.3a ed un lettore di microSD, gli speaker stereo, i jack per cuffie e microfono, mentre lungo il lato lungo inferiore c’è ovviamente  la presa proprietaria per l’alloggiamento sul dock. Le fotocamere sono due, quella frontale da 1.2-megapixel e quella posteriore da 5.

Guardandolo invece un po’ ai raggi X, troviamo gli ormai classici WiFi b/g/n e Bluetooth 2.1+EDR, accompagnati dal processore a 1GHz dual-core Tegra 2, con 1GB di RAM e 16 o 32 GB di memoria interna, a seconda del modello scelto.

Il display è un IPS da 10.1 pollici a 1280 x 800 ricoperto dal super robusto Gorilla Glass, e dotato di multitouch a 10 punti (così nessun dito delle due mani si sentirà trascurato). Le semplici parole spesso non bastano a descrivere la qualità di un display, ma chi l’ha visto dal vivo assicura che si tratta di uno degli schermi migliori mai visti su un tablet, visibile praticamente da qualunque angolatura senza perdita alcuna di colori.

La tastiera

Curioso parlare di tastiera nell’hands-on di un tablet, ma tant’è: questo è l’Eee Pad Transformer, e qui giace(rà) buona parte della ragione del suo successo o meno, con buona probabilità.

Anzitutto rassicuriamo subito gli scettici circa il meccanismo di blocco del tablet al dock: è solido e sicuro, potete sollevare il tutto tirandolo per lo schermo senza problemi (esercizio che comunque non consigliamo di eseguire ripetutamente).

Passando alla tastiera, quelli di voi che abbiano mai avuto tra le mani un Eee PC netbook di queste dimensioni probabilmente non noteranno differenze evidenti nella qualità e posizione dei tasti, eccezion fatta per quelli dedicati nello specifico ad Android. E’ presente anche un touchpad, sulla cui effettiva utilità potremmo anche discutere.

Curiosando sui fianchi del dock troviamo: due porte USB 2.0, una HDMI, il jack per le cuffie, ed un lettore di memory card. Ma le cose si fanno davvero interessanti grazie alla batteria integrata (cosa che per esempio non è presente sul dock dell’Atrix, il che lo rende però più leggero): secondo Asus, grazie ad essa le già non poche 9.5 di autonomia del tablet, dovrebbero schizzare fino a ben 16 ore. E sembra per giunta che la tastiera ricarichi il tablet quando vi è alloggiato. Non saranno batterie eterne, ma poco ci manca! (e siamo molto curiosi di provare il tutto con mano per confermarne l’effettiva bontà)

Honeycomb

Come nei nuovi Samsung Galaxy Tab, anche in questo caso troviamo un po’ di personalizzazione dell’interfaccia standard di Honeycomb da parte di Asus, a cominciare dalla homescreen dove vediamo meteo, email e calendario, assieme ad un curioso livewallpaper che mostra anche il livello della batteria, ma siccome sembra che a Google non piaccia non è detto che lo vedremo mai (lo sfondo animato, non il tablet!).

Tra il software pre-installato troviamo Polaris Office 3, MyNet, un client di streaming DLNA, MyLibrary, ereader, MyCloud, e MyDesktop, che consente il login da remoto al vostro Mac, PC, o Android desktop (Android desktop?!?).

Le prestazioni sono in linea con quelle della concorrenza, Xoom incluso: la reattività non è quindi mai un problema.

Prezzi e disponibilità (in UK)

La data di uscita ufficiale nel Regno Unito è il 6 aprile, ad un prezzo di £379  (~430€) per la versione da 16GB, e £429 (~490€) per quella da 32GB. La tastiera non è purtroppo inclusa assieme al tablet: aggiungendola infatti all’ordine della versione da 16GB, il costo totale sale a £429, il che colloca il prezzo del dock sui 60€ circa.

Vi lasciamo con una video prova ed un po’ di immagini: e voi che ne pensate di questo Transformer?

Fonte: Fonte
ASUS Eee Pad Transformer

ASUS Eee Pad Transformer

confronta modello

Ultime dal forum:

ASUS Eee Pad Transformervideo