b658663cc3f1f056466f135fbf4570655f496456_small

Vecchi Android sempre utili: Access Point Portatile

Valerio Paoletti

Il tethering USB non può essere la soluzione ottimale per chi viaggia tanto o per chi è in previsione di stare fuori per più di una settimana, lo smartphone rimane comunque un cellulare e spesso non può essere monopolizzato per fornirci la connessione, quindi perchè non trasformare il vecchio Android in un AP?

PREMESSA:

Se è la prima volta che leggi un articolo simile ti consigliamo di leggere la premessa.

IL VECCHIO ANDROID: UN ACCESS POINT PORTATILE

Il nostro vecchio Android ha tutte le carte in regola per diventare il nostro AP portatile. Basterà fornirlo di una scheda SIM su cui attivare un promozione internet flat in base ai propri bisogni.

A questo punto non bisogna far altro che fornirlo di un’applicazione che lo tramuti in un Access Point, come Barnacle WiFi o Wireless Tether for Root Users, oppure usando direttamente la funzionalità dell’OS fornita da Froyo in poi.

POSSIBILE UTILIZZI:

I possibili utilizzi sono tanti. Può far comodo se si viaggio tanto, sia in treno che macchina, ed avere sempre la connessione disponibile può allietare il percorso. Può essere utile se si sta spesso in albergo, molti fanno pagare il wifi a peso d’oro e con gli stessi soldi si può comprare la connessione per 1 mese per il nostro Android. Può essere un’ottima mossa in caso di vacanza per più di una settimana, collegandolo alla presa hai un router wifi h24. Può essere il salvagente d’emergenza in caso di guasti telefonici o di cambio linea.

PERCHE’ NON UN USARE IL PROPRIO SMARTPHONE:

Perchè lo smartphone rimane un cellulare ed è scomodo e controproducente monopolizzarlo per il tethering wifi. E in caso di assenza di prese finiremmo tutta la batteria in poco tempo. Ridurre il consumo della batteria è vitale su un terminale Android.

PERCHE’ NON USARE UN’INTERNET KEY:

Perchè hanno dei costi esagerati rispetto alla tariffe flat disponibili per gli smartphone.


Forse può sembrare un utilizzo “sprecato”, il consiglio è: “provare per credere”.

Stay tuned! A presto nuovi utilizzi del proprio vecchio Android…