Dante: The Inferno Game, un action puzzle per Android che vi infiammerà le dita [Recensione]

Stefano Petrone -

Dante: The Inferno Game action puzzle

Mi chiedevo se Dante Alighieri assistendo alle edizioni videoludiche del suo capolavoro arriverebbe a mandarci tutti in uno dei gironi dell’inferno, eppure se provasse l’action puzzle Dante: The Inferno Game di TBS Games per smartphone Android ne rimarrebbe piacevolmente coinvolto.

Dante Start

Solitamente quando sento titoli maggiori replicati su smartphone, gli spin-off, la mia mente inizia a riempirsi di brutti ricordi, DTIG fin dalla suo primo livello mi ha sorpreso in positivo.

La trama la sappiamo tutti: il povero Dante, aiutato nel suo viaggio da Virgilio, dovrà districarsi tra paradiso, purgatorio e inferno, durante questo viaggio – nella versione videoludica ndr – dovrà affrontare fantasmi, frecce, pipistrelli e sfere di fuoco.

Obiettivo

L’obiettivo del gioco è collezionare le anime, le sfere azzurre, e raggiungere l’uscita di ogni livello. Detto così sembra semplice, a sbarrarvi la strada ci saranno mattonelle che cadranno nel vuoto, sfere di fuoco rotanti, pavimenti in movimento e tanti ostacoli che vi sbarreranno la porta per compiere il viaggio narrato da Dante.

Livelli

I livelli sono il cuore del gioco, strutturato in 121 quadri che aumenteranno di difficoltà man mano che andrete avanti, anche il giocatore più smaliziato troverà difficoltà nel proseguire. Per fortuna saremo aiutati dalle sagge parole di Virgilio e dai checkpoint sparsi per i livelli.

Controlli

Vedrete l’eroe dall’alto, prospettiva top-down, in modo da aver un quadro generale della struttura del livello. Il gameplay si riduce a muovere Dante con quattro frecce direzionali che possono essere ubicate in varie posizioni tramite le opzioni.

Opzioni

Il feedback dei controlli non mi ha fatto impazzire, molte volte il contatore delle morti, che si trova in alto a sinistra riassunto da una icona a forma di teschio, si è alzato perché i controlli non rispondevano a dovere, poco importa ho reiniziato dall’ultimo checkpoint.

Grafica

La grafica è bella, specialmente i portraits, le texture dei livelli sono molto belle, l’unica pecca sono le animazioni. Il movimento di Dante ricorda quello del Team17 di Alien Breed per Amiga – che per la cronaca è del 1991 ndBuothz – , si poteva fare qualcosina di più.
Belli gli effetti grafici come ad esempio il fuoco o la nebbia, quest’ultima si abilita con l’opzione qualità: alta.

Il sonoro si riassume con delle musiche che accompagnano di livello in livello e degli effetti sonori, nel complesso è buono.

Bonus

La longevità mi ha sorpreso, iniziato il gioco non avrei mai pensato di passarci ore e ore per concluderlo, volendo essere pignoli e raccogliere tutti i bonus il tempo di gioco si allunga.

Conclusione

Il commento finale mi permette di esprimere complimenti per la TBS Games che, con Dante: The Inferno Game, ha sfornato un action puzzle per Android non banale e free che riserva labirinti da affrontare con i riflessi a fior di pelle ricalcando il cammino voluto dal poeta fiorentino Durante Alighieri.
I livelli sembrano essere partoriti dalle menti più malvagie e metteranno alla prova anche il dito più allenato, probabilmente i programmatori si sono fatti un giro negli inferi e ne hanno tratto insegnamento, in fondo la Divina Commedia ci insegna che la vita è bella anche perché piena di ostacoli.

Pagella di AndroidWorld:
Gameplay: 85/100
Grafica: 79/100
Sonoro: 65/100
Longevità: 96/100
Multiplayer: n.d.
Voto: 82/100

Dante: THE INFERNO game for Android on AppBrain