xperiaplay2011-01-25-18

Sony Ericsson Xperia Play (p)review

Nicola Ligas

Se dici “Xperia Play” probabilmente non saranno moltissimi a drizzare le antenne, ma se lo sostituisci con “Playstation Phone”, probabilmente anche chi non ne ha mai sentito parlare ti presterà orecchio. Il telefono della playstation, a lungo annunciato, è infatti (quasi) arrivato!

Vi avevamo infatti già annunciato il suo debutto all’MWC di febbraio, ma la redazione di Engadget è riuscita a mettere le mani addosso ad un prototipo  e a realizzare un’anteprima dal sapore di recensione. Vediamo cos’hanno scoperto!

Display LCD da 4 pollici multitouch con risoluzione 854 x 480, come quello dell’X10 in pratica, ma ” powered by Bravia” (o così si dice in giro, Engadget non è comunque in grado di confermare la cosa). Anche per quanto riguarda il processore non abbiamo certezze assolute: dovrebbe essere il Qualcomm MSM8655, sicuramente si tratta di un single-core con clock variabile tra 122.88MHz e 1GHz, accoppiato con una GPU Adreno 205. Il risultato di quest’accoppiata, del sistema operativo Android Gingerbread e dei 512MB di RAM in dotazione, producono 1689 punti su Quadrant, 59fps su Neocore, cira 35 MFLOPS secondo Linpack, e circa 43fps con NenaMark.

Di negativo c’è da registrare il mancato funzionamento del Wi-Fi, ma si tratta sicuramente di un problema di driver difettoso o proprio di un danno fisico, in ogni caso questo ha impedito qualsiasi tipo di test, purtroppo.

L’unico vero difetto costruttivo risiede invece nello sportello della batteria: bello ma prono ai graffi, anche a causa della sua forma stondata, che ne agevola la presa in mano, ma dall’altro lato lo rende più vulnerabile. La batteria che si trova al di sotto non ha invece dato problemi, ed è in grado di portarci a fine giornata grazie ai suoi 1500mAh.

Per quanto riguarda il comparto audio, troviamo un secondo microfono vicino al flash (anche se non è ben chiara la sua funzione) e l’audio in chiamata è generalmente buono, anche se forse un po’ basso.

Facendo scorrere lo schermo, il telefono rivela tutta la sua natura “play”, con i celebri simboli dei tasti Playstation in bella vista: da notare che il d-pad funziona nativamente con Android ed offre un buon grip, anche se, rispetto ad una PSP, l’Xperia Play è apparso bilanciato meno bene, anche se lo si tiene comunque bene in mano ed è realizzato meglio della “cugina” PSP. Inoltre, come a volte succede nei dispositivi con schermo a scorrimento, anche quando è chiuso il display può muoversi lievemente.
Per quelli che se non vedono non credono, ecco anche le video prove:

L’Xperia Play si comporta bene anche come telefono (assai meglio dell’X10) specialmente rimuovendo Timescape che è un widget particolarmente avido di risorse. Mediascape è stato inoltre diviso in tanti widget (music player, gallery browser, e media shortcuts) che lanciano la corrispondente applicazione. La tastiera è invece sostanzialmente la stessa dell’X10, solo un po’ più raffinata. Il telefono ha dimostrato inoltre di gestire bene video a 720p H.264, ma purtroppo avi ed mkv non sono nativamente supportati.

Tra le nuove feature ne troviamo una che raggruppa tutti i widget in un’unica schermata, semplicemente pizzicando lo schermo: una volta che tappiamo su uno di essi verremo poi portati nella rispettiva homescreen: comodo, vero?!
Anche l’app drawer è ben realizato e permette di ordinare le icone per frequenza d’uso, data di installazione, in ordine alfabetico o semplicemente spostandole dove vogliamo.

Tra le applicazioni installate troviamo quella “PlayStation Pocket” che dovrebbe servire per gestire i giochi scaricati, ma al momento è ovviamente solo un contenitore vuoto, quindi, per potere provare le capacità ludiche dell’Xperia Play, i redattori di Engadget hanno dovuto installare degli emulatori, nello specifico per Playstation e Game Boy Advance. E questo è il risultato:

Per quanto riguarda infine la fotocamera troviamo immagini ben definite e colori brillanti, oltre ad un ottimo macro, sebbene l’effettiva immagine sia più grande dell’area visibile nello schermo e l’autofocus non sia impeccabile, soprattutto perché manca il “tap-to-focus”. I video invece si fermano alla risoluzione di 800 x 480, il che non ci farà certo stracciare le vesti.

In definitiva l’Xperia Play ti lascia sicuramente l’acquolina in bocca, anche se diversi dettagli importanti ancora mancano all’appello: in che modo saranno distribuiti ed acquistati i giochi? E quanto costeranno? Per non parlare del prezzo dello smartphone stesso!
Per trovare una risposta a questi ultimi dubbi dovremo con tutta probabilità attendere l’MWC, in fondo mancano solo 17 giorni ormai! Nel frattempo vi lasciamo con una piccola fotogallery dell’Xperia Play: chi volesse ammirarlo in oltre 100 scatti può cliccare sul link alla fonte della news. Ah, e non vi preoccupate per le foto in bianco e nero, è stato solo un difetto di acquisizione, l’interfaccia è effettivamente colorata!

Dunque che ne pensate di questo Playstation Phone?

Fonte: Fonte
Sony Ericssonvideo