Hands-on di Honeycomb 3.0

Alessandro Ceccon -

Ieri Google aveva rilasciato l’SDK di Honeycomb per permettere agli sviluppatori di testare le proprie applicazioni sulla nuova versione del sistema operativo. I ragazzi di engadget non hanno perso tempo e hanno testato Android 3.0 immediatamente.

Prima di tutto non bisogna dimenticare che l’SDK rilasciato non è quello definitivo quindi è normale che vi siano dei bug; iniziamo:

  • Il sistema è estremamente lento a volte talmente tanto da rendere il terminale inutilizzabile: vi sconsigliamo vivamente di provarlo se non avete tanta, ma veramente tanta, pazienza.
  • Il browser è davvero fantastico: permette un’esperienza all’utente quasi uguale a quella di un possessore di computer.
  • L’aggiunta di widget e altre icone sullo schermo è curata nei minimi dettagli: è possibile vedere l’anteprima della visualizzazione prima di confermare l’operazione effettuata.
  • Le animazioni e le transizioni sono veramente lente ma questo dipende sicuramente dall’SDK non definitivo.
  • Per orientare in landscape il dispositivo è necessario deselezionare l’orientamento automatico nel menù “Impostazioni”, quindi capovolgere l’emulatore da orizzontale a verticale (ovviamente un bug).

Vi lascio a due video che vi presenteranno questo Honeycomb:


Fonte: Fonte
Android 3.0video