Tim Cook (Apple): i Tablet Android sono degli smartphone ingranditi

Giuseppe Tripodi

Durante il periodo di assenza del CEO Steve Jobs, a prendere le redini della Apple è il COO(chief operations officer) Tim Cook che non si trattiene dal dare opinioni forti riguardo la concorrenza, in particolare sui tablet rivali.

Intervistato riguardo i competitori dell’iPad, Tim risponde ostentando una certa sicurezza, definendo “pesanti e costosi” i tablet Windows mentre quelli Android sarebbero, a suo modo di vedere, dei prodotti “strani”, degli “smartphone ingranditi” (a volerlo citare letteralmente, scaled-up smartphone). La Apple, quindi, non avrebbe motivo di temere rivali.

Buffo, comunque, che una definizione simile arrivi proprio riguardo i concorrenti dell’iPad, un device davvero molto criticato sotto questo punto di vista: si è spesso detto che è un prodotto che manca di personalità, in quanto, appunto, ha poco da invidiare ad un “iPhone gigante”, tanto che la Motorola, nel video di lancio dello Xoom, aveva proprio ironizzato con la frase “It’s like a giant iPhone, but… it’s like a giant iPhone”.

In conclusione, sebbene sia vero quanto detto da Cook, ossia che i tablet Android ancora (per poco!) non godono di un sistema operativo scritto appositamente per loro, forse non è stato  saggio esporsi così in quanto, con la prossima generazione di tavolette, ne vedremo sicuramente delle belle.

Vi lasciamo con l’intera dichiarazione di Cook, tradotta da noi.

D: A proposito dei rivali dell’iPad?

R: Come sapete, non c’è molto in giro. Per ora, ci sono due tipi di tablet sul mercato – quelli che usano Windows come sistema operativo sono grandi, pesanti e costosi. Hanno una bassa autonomia e per utilizzarli hai bisogno di una tastiera o di un pennino. Dal nostro punto di vista, gli utenti non sono interessati.

Poi ci sono i Tablet con Android. La maggior parte di quelli attualmente in commercio utilizzano un sistema operativo che non è stato realizzato per i tablet – lo ha detto anche Google. E poi c’è la loro dimensione che è minore del ragionevole. Così non si riesce a godere la reale esperienza di un tablet.
Sono “smartphone ingranditi” – uno strano prodotto, a nostra opinione.
Questo è quello che c’è di disponibile oggi. Se li ponete accanto ad un iPad, una grandissima percentuale di persone sceglierà l’iPad. Non abbiamo nulla da temere.

Per quanto riguarda la prossima generazione, non c’è ancora niente in vendita. Quindi non lo so. Per ora, c’è solo fumo (vapor). Comunque, non ce la stiamo prendendo comoda. Abbiamo l’enorme vantaggio di aver fatto la prima mossa. Enormi vantaggi per gli utenti, da iTunes all’AppStore. Un grandissimo numero di applicazioni e un nostro “ecosistema” (ecosystem). Confidiamo di poter affrontare chiunque.

Fonte: Fonte
AppleSteve Jobs