Assassin’s Creed su Android, assassini per mano di Gameloft [Recensione]

Stefano Petrone -

Assasin's CreedQuando un gioco ha il successo di Assasin’s Creed viene proposto in tutte le salse, grazie a Gameloft è arrivato anche su Android convertito dalla versione per Nintendo DS, sarete in grado di assassinare i nemici che oseranno disturbare il vostro cammino?

Inizio

Anno del Signore 1190 avanti Cristo a Gerusalemme la terza crociata è bagnata dal sangue dei Crociati e dei Saraceni. Nello svolgere della trama impersonerete Altaïr, un maestro assassino inviato dall’ordine alla ricerca del “Calice dei Templari” l’unica cosa che può porre fine alla sanguinosa lotta.

3D

Il gioco è in 3D, permette l’uso dei tasti fisici se lo smartphone li possiede altrimenti abbiamo i classici controlli su schermo, si può scegliere se avere il classico pad ad 8 direzioni oppure un pad analogico a 360°.

La schermata iniziale permette di scegliere la difficoltà, facile o media da subito e difficile che verrà sbloccata solo dopo averlo completato.

Il gioco vuole essere un ibrido tra platform alla Prince of Persia di Mechner condito con combattimenti alla beat ‘m up con tanto di combo e una parte stealth che purtroppo si riduce a qualche mini gioco e niente più, scopriamone il perché.

Trappole

La parte platform è contornata da salti, voli con la corda a mò di Indiana Jones, scelta del giusto tempismo per superare lame che escono dai muri o punte acuminate dal pavimento, se vogliamo trovare un difetto dobbiamo rivolgerci al metodo di controllo non sempre all’altezza e ad una telecamera che sfalsa la prospettiva.

I combattimenti avvengono per la maggior parte con la spada che potrete upgradare insieme alla vita durante il gioco, le combo non sono molte e a livello di difficoltà medio basterà fare qualche parata per battere il nemico più caparbio, le coreografie che ne vengono fuori non sono per niente male ma dopo un paio di duelli potreste annoiarvi. Insieme alle spade avrete dei coltelli da lanciare, la balestra, un corda per afferrare i nemici come fa Scorpion in Mortal Kombat e il coltello per uccidere in modalità ladro.
Estremamente facili i mini boss che troverete a sbarrarvi la strada durante il gioco, basterà premere i tasti al momento giusto e non avrete problemi a levarveli di torno.

E’ proprio la modalità stealth che passa dall’essere il fulcro del gioco ad un corollario, la maggior parte di volte conviene attirare tutti i nemici correndo e massacrarli piuttosto che perdere tempo a camminare di soppiatto per finirli subdolamente da dietro.

I veri momenti da ladro sono dettati solamente dalla trama e sono divisi in due minigiochi: furto di chiavi nel quale dovrete rubare una chiave dentro una borsa senza toccare gli oggetti vicini e la pressione di alcuni punti del corpo della vittima per estorcere informazioni preziose.

Non solo azione, nel gioco troverete anche degli enigmi, peccato che siano addirittura più facili di quelli nei vari Tomb Raider, alla fine risultano solamente una nota di colore sbiadito messa dai programmatori per variare il gioco.

Assasin’s Creed nelle sue versioni per console da salotto porta con se un’idea di libertà d’azione, dimenticatela in questa versione portatile, dovrete attenervi strettamente alla trama e limitarvi a seguire le frecce per portare a termine le missioni.

La longevità è alta, finalmente ci si trova davanti ad un gioco che, seppur non progettato per Android, si può definire un prodotto papabile per un PSP Android Phone allontanando l’etichetta di “gioco da telefonino”.

La grafica è migliore della versione natia che subiva un downscaling per via dell’hardware di casa Nintendo, qualitativamente buona che non fa soffrire per niente il mio Defy, ho letto però nei commenti del market alcuni problemi su Nexus One o su Desire dove il gioco sembra scattare.

Il sonoro è ben curato, alcuni dialoghi hanno il doppiaggio inglese, si sente l’abbassamento di frequenza, ad orecchio direi che è a 22kHz (ho usato delle cuffie) probabilmente per far occupare meno spazio al gioco.

Upgrade

La mia personale opinione (che non andrà ad inficiare il voto finale n.d.r.) è la seguente: ho trovato questa versione di Assasin’s Creed, sia per Android, iPhone e NDS, estremamente noiosa, ripetitiva e assente di trama, rendendolo un videogioco nato per sfruttare un brand che fa fare cassa alla software house e al distributore, un prodotto con delle potenzialità che rimangono tarpate.

Aspettando e sperando l’arrivo di Discovery anche su Android per vedere come evolve la saga andiamo a tirare le somme considerando per il momento la penuria di titoli importanti per Android non vi sentirete di buttare via il prezzo di due brioches e un caffè al bar (2.28€) acquistando Assasin’s Creed, si capisce subito che ci si trova di fronte ad un prodotto con un buon rapporto qualità prezzo, giocabile sia dagli amanti dell’assassino più famoso nel panorama videoludico sia per i giocatori che desiderano un gioco da console sul proprio smartphone con un gameplay che, se non annoia, permette ore di divertimento.

Pagella di AndroidWorld:
Gameplay: 75/100
Grafica: 90/100
Sonoro: 85/100
Longevità: 90/100
Multiplayer: n.d.
Voto: 75/100

Di seguito il video ufficiale e una succosa gallery che vi guiderà nel mondo di Altaïr.

Assassin’s Creed™ for Android on AppBrain

3dRecensione