WordMate dizionario offline e free

WordMateEro alla ricerca di un dizionario offline per il mio smartphone Android, ne ho provati parecchi ma tra dizionari scaricabili latitanti e solo online mi sentivo perso in mezzo all’oceano come Chuck Noland in Cast Away.

WordMate Defy

Giro per il Market e trovo WordMate Dict, lo installo, mi leggo il readme e scopro che è compatibile con i vocabilari di StarDict.

Per chi non lo sapesse StarDict è il dizionario di riferimento nel mondo linux, permette l’utilizzo, previa conversione, anche dei vocabolari di Babylon Translator, rimanendo in tema di traduzioni tutto questo significa poter accedere ad un database di vocabolari gratis impressionante.

L’utente smaliziato non avrà nessun problema per capire come installare i vocabolari su WordMate e consultarli offline su Android, per chi invece incontra difficoltà vediamo passo passo come comportarsi, iniziamo con i links ai vocabolari:

Vocabolari StarDict
Vocabolari Babylon
7-Zip (scaricatelo e installatelo sul vostro computer)

Iniziamo con i vocabolari StarDict, prendiamo come esempio English – Italian, file stardict-freedict-eng-ita-2.4.2.tar.bz2, scompattiamolo con 7-zip in modo da avere

1

proprio come una matrioska andiamo a scompattare anche il file .dz (sempre con 7-Zip) in modo da ottenere

Copiamo tutti e quattro i files (in realtà potete omettere il file compresso .DZ) nella microSD destinata al telefonino nella directory x:/wordmate/ (dove x è la lettera della vostra MicroSD)

Avviate WordMate e vedrete che comparirà il nuovo dizionari appena messo, ne potete mettere un numero infinito, basta avere la cortezza che nessun vocabolario abbia i nomi dei files uguali ad un’altro che chiaramente andrebbe sovrascritto.

WordMate

Nel caso dei vocabolari Babylon il gioco si fa duro, nel senso che diventa tutto più complesso perché bisogna convertire il dizionario scelto da Babylon (.bgl) a StarDict (.dict).

Per gli utenti Linux, una volta tanto, il gioco si ammorbidisce, basta utilizzare il software dictconv e si fa la conversione, oppure affidarsi a stardict-tools, trovate una marea di guide su come procedere su Google, mentre per gli utenti Windows devo ancora mettermici dietro e fare una guida che, se verrà richiesta nei commenti, mi accingerò a fare (anche per Linux se avete problemi), al momento trovo che il numero di vocabolari StarDict presenti in rete sia più che esaustivo.

L’importante è che nella conversione da .bgl a StarDict otteniate i tre files con estensione .dict, .idx e .ifo.