Notion Ink Adam in preordine, ma è tutto ok?

Il Tablet Notion Ink Adam è sicuramente il tablet più atteso dalla generazione Android. I motivi della grande attesa sono molti ma l’hype generato è dovuto in buona parte alla bravura della nenonata Notion Ink di creare interesse nei suoi confronti.

Ieri il tablet è entrato nella fase di preordine (esaurendo subito le prenotazioni per la versione con schermo a tecnologia superiore) ma i dubbi sul prodotto sembrano davvero tanti. Noi li abbiamo riassunti in questa breve lista:

  • Il tablet non è mai stato visto in foto reali, solo render
  • Il prodotto non è ancora stato approvato dall’FCC
  • I commenti negativi sul blog Notion Ink vengono prontamente cancellati
  • Non ci sono date sicure di spedizioni
  • Non si conosce la presenza o meno del Market sul dispositivo (ma noi pensiamo che sia assente visto la reticenza dell’azienda a rispondere a questa domanda)
  • Qual’è e come è gestito il servizio di assistenza?
  • Capacità di registrazione della videocamera
  • Non è chiaro quale reti 3G saranno supportate

Sembra quindi di essere in mano ad una piccola azienda (indiana) che fa costruire tablet ma che non sa bene ancora come venderli. Il CEO di Notion Ink ha fatto sapere che entro dicembre verranno pubblicati dei video dimostrativi e che l’approvazione FCC è sempre attesa entro questo mese. Ma questo è abbastanza per chiedere soldi per un preordine?

Ovviamente chi paga per questo preordine si spera che sappia cosa rischia ma noi vogliamo mettervi in guardia di fronte a quello che sotto più aspetti potrebbe essere un rischioso investimento.

Un ottimo post con tante altre analisi lo potete trovare nel nostro forum.