android-paypal

Paypal per il Market forse realtà

Lorenzo -

Il 20 agosto avevamo già parlato di un’eventuale collaborazione tra Google e PayPal.

I due colossi della rete stanno cercando di raggiungere un accordo da qualche settimana.
Non tutto è definito ma la notizia non dovrebbe tardare, fonti vicine a Google affermano che sarà annunciata in occasione del “PayPal developers’ conference” a San Francisco il prossimo 26 ottobre.

Google ha per ora risposto con un no comment, ma da tempo alcuni analisti si aspettavano che utilizzasse metodi di pagamento alternativi all’attuale per lanciare un servizio di musica in streaming.

L’utilizzo di paypal dovrebbe aiutare il sistema di checkout dell’Android Market, socvraccaricato dalla crescita di richieste, facendolo avvicinare al sistema di pagamento utilizzato da Apple per iTunes e per l’App store.

In effetti il sistema di pagamento sembra essere un punto debole nel progetto di Android, dove i consumatori sono costretti a immettere il numero di carta di credito oppure la password di Google Checkout per pagare, un passaggio che molti preferirebbero evitare. Al contrario, gli utenti di iTunes o Amazon usufruiscono di un metodo che consente la fatturazione consuntiva a scadenze fisse.

Ma l’appoggio di PayPal non è dettato solo dal lancio di un servizio di streaming, infatti il sistema di Google Checkout ha dato non pochi problemi con la conversione di valute.Per citare un caso eclatante, come spiega il direttore marketing di TouchType Joe Braidwood, l’applicazione SwiftKey nei primi quattro giorni di lancio ha ricevuto 40.000 ordini, ma di questi circa 2.000 sono saltati a causa di un intoppo di Google checkout. Il sistema infatti ha rifiutato in modo automatico alcune transazioni con valute diverse dalla sterlina inglese, senza avvisare né l’azienda né i clienti. Sembra che “sotto sforzo” Google Checkout abbia qualche discontinuità nel funzionamento.

Google corre ai ripari sgravandosi da picchi di richieste eccessivi grazie all’appoggio di Paypal, che converte automaticamente la valuta ed è un sistema ben collaudato e affidabile. Una scelta azzeccata che fa gola anche a Paypal, dato che entrerà a far parte di uno dei sistemi mobili più in crescita al mondo.

Insomma non ci sono dubbi sull’utilità di questo accordo per entrambi i colossi e – perché no – per gli utenti del Market, dovremo però attendere un comunicato stampa ufficiale per sapere con che modalità verrà introdotto il nuovo servizio di pagamento e quando sarà disponibile in Europa.

 

Fonte: The Street