Microsoft fa causa a Motorola per dei brevetti su Android

Emanuele Cisotti

Ci risiamo. Microsoft ha fatto causa a Motorola per 9 brevetti relativi alla piattaforma Android. Si tratta di brevetti di ogni tipo dalla sincronizzazione di mail e calendari al cambio di segnale e di utilizzo di batteria. In pratica Microfost ha fatto causa a Motorola per non fare causa a Google.

Si citano in particolare il Motorola Droid 2 e il Motorola Charm ma si specifica che sono solo due esempi e non la lista completa dei device incriminati. Che sia una punizione per la scelta di Motorola di abbandonare Windows Mobile in favore di Android? E’ un caso che azioni di questo tipo avvengano al momento del lancio del nuovo OS di Windows?

Vi riportiamo la lista dei brevetti incriminati:

  • 5,579,517: Common name space for long and short filenames
  • 5,758,352: Common name space for long and short filenames
  • 6,621,746: Monitoring entropic conditions of a flash memory device as an indicator for invoking erasure operations
  • 6,826,762: Radio interface layer in a cell phone with a set of APIs having a hardware-independent proxy layer and a hardware-specific driver layer
  • 6,909,910: Method and system for managing changes to a contact database
  • 7,644,376: Flexible architecture for notifying applications of state changes
  • 5,664,133: Context sensitive menu system/menu behavior
  • 6,578,054: Method and system for supporting off-line mode of operation and synchronization using resource state information
  • 6,370,566: Generating meeting requests and group scheduling from a mobile device

Fonte

brevetti