Google App Invertor: pronti ad usarlo?

acronimo -

Vi avevamo già parlato di App Inventor ovvero il rivoluzionario sistema di programmazione visuale per creare applicazioni Android. Il web-software promette di interfacciarsi direttamente con il nostro smartphone senza conoscere specifiche di programmazione anche se, per gli utenti più esperti, sarà sempre e comunque disponibile il codice da modificare così da creare app ancora più potenti.

Sul sito ufficiale di App Inventor è presente una discreta documentazione di quello che è in grado di fare questa web-application con tanto di video e app tutorial come ad esempio un gioco e di come procedere all’installazione del pacchetto necessario contenente adb sul nostro PC.

In poche parole App Inventor funziona via web browser utilizzando JAVA ed è compatibile con:

  • Macintosh: Mac OS X 10.5, 10.6
  • Windows: Windows XP, Windows Vista, Windows 7
  • GNU/Linux: Ubuntu 8+, Debian 5+

App inventor si interfaccia direttamente con il nostro palmare permettendoci di testare in tempo reale quello che stiamo creando, cosa che già avverrà direttamente nell’applicazione e potremmo quindi creare i nostri APK e condividerli (supporta tutto, anche per esempio accelerometro e gps) . Almeno per il momento non sarà collegato con il Market probabilmente per non intaccare la qualità dei software attualmente presenti visto che App Inventor dovrebbe essere a portata di “bimbo” ma chissà che in futuro non venga implementata proprio una categoria App Inventor donations 😉 proprio nel market.

Non escludiamo comunque che App Inventor non richieda una certa conoscenza almeno in ambito grafico, logico e di uso del PC anche se sicuramente Google farà di tutto per renderlo il più semplice possibile.

Cosa serve per installare ed utilizzare APP INVENTOR?

  1. Un PC 😉 o simile…
  2. Uno smartphone Android con qualsiasi versione del sistema operativo e i driver correttamente riconosciuti, nonchè alcuni settaggi impostati direttamente nelle impostazioni del palmare (tutta la procedura è raggiungibile sempre da questa pagina)
  3. Il pacchetto di installazione (60,5Mb)
  4. Un browser tra cui Explorer, Firefox, Chrome o Safari
  5. Un account Gmail (chiave di accesso alla web application)

Perchè un account Gmail? Probabilmente tutto il lavoro svolto sarà ospitato direttamente sui server google e disponibile quindi da qualsiasi PC nel mondo.

Una nota di attenzione particolare va posta sull’installazione dei driver, se avete già installato l’emulatore probabilmente avrete già confidenza con “adb devices” e un “CMD”, non sono strettamente necessarie queste conoscenze ma permettono di testare la corretta comunicazione con il cellulare dopo aver installato il pacchetto di App Inventor.

Ultima nota: pronti a partire?

🙁 Purtroppo no! In pratica è presente tutta la parte relativa ll’installazione di App Inventor e la comunicazione con il cellulare, ma una volta cliccato sul link per aprire l’applicazione via web, veniamo reindirizzati ad un piccolo questionario e ci viene notificato che lo sviluppo sarà disponibile nelle prossime settimane.

Non ci resta che attendere! 🙂 Che ne pensate: Rivoluzione e Flop? Degrado del mondo Android o potenziamento attraverso la diffusione capillare e la curiosità di massa? Si creerà un sottostante parallelo di smanettoni o smanettini con trash app o tramite App inventor si andrà a colmare il gap tra programmatore e sviluppo personale?