androidvsiphone

Google: “Con android 3.0 vogliamo somigliare ad iphone”

M0rF3uS -

Apprendo da Techcrunch una notizia che sinceramente non mi è piaciuta cosi tanto, e sto sperando che si trattino solo di rumors.

A quanto pare a Google non va giù bene che i vari produttori possano inserire layer aggiuntivi sul suo sistema operativo, per layer intendo interfacce come la SenseUI di HTC.

Sembra infatti che Google stia lavorando alacremente sullo sviluppo di Android 3.0 ma in maniera particolare, hanno dichiarato – secondo le fonti di Techcrunch – che il loro obiettivo giunti a questo punto, è avvicinare l’esperienza dell’utente il più possibile a quella che sperimentano gli utenti di iPhone OS.

Questa cosa ovviamente non è gradita dai vari produttori, che hanno adottato il sistema android proprio per la sua versatilità e la possibilità di customizzarlo da capo a piedi, d’altronde il mercato vive di concorrenza ed è più che giusto che il produttore X possa offrire agli utenti un android per certi versi diverso dall’android del produttore Y.

Ma a Google non importa e sembra che il suo lavoro si stia concentrando su uno sviluppo tale da rendere tutte queste operazioni  totalmente inutili.

Adesso come Google possa riuscirci non lo so, non sono un programmatore esperto e di primo acchitto quando penso alla frase “rendere queste operazioni inutili” penso immediatamente a “software chiuso“, e se ci riflettiamo bene è l’unica possibilità che hai per rendere inutile (o quasi) qualsiasi operazione di personalizzazione su un tuo software, perchè l’open source – per definizione – può essere configurato e modificato a piacimento da tutti.

E poi, sinceramente, se voglio un esperienza iPhone mi compro un iPhone!! Android sta sfondando le quote di mercato proprio perchè è l’ unica alternativa valida al quasi monopolio di Apple, sarebbe utile che qualcuno potesse chiedere a Google “perchè rovinare tutto cosi?!

Sembra che addirittura già Android 2.1 froYo contenga all’interno del core alcune delle funzionalità che saranno implementate in Android 3.0 Gingerbread.

Techcrunch conclude dicendo:

That’s a big goal, particularly since Android is a flexible operating system that is designed to handle a variety of hardware options. When you don’t lock down the hardware it’s very hard to make the UI perfect. Which is why Apple’s Macs, with locked down hardware, have always been a better experience than the hugely hardware-flexible Windows operating system.

Ecco io non sono d’accordo, primo perchè a mio parere se iPhone ha un interfaccia perfetta Android ce l’ha altrettanto perfetta, sia che si parli di SenseUI che di Ninjablur che di Android “liscio”; secondariamente che senso ha dire “…interfaccia migliore che i Mac della Apple hanno sempre offerto rispetto ai sistemi operativi Windows?” stiamo parlando di Android che con Windows non ci ha nulla a che fare.