Motorola Backflip: prova, foto e video

Emanuele Cisotti -

Motorola Backflip

Dopo la nostra prima prova del anche Engadget ha avuto modo di testare la versione AT&T di questo telefono in modo abbastanza approfondito. Vediamo quello che è venuto fuori da questo curiosissimo telefono.

  • Il telefono è molto solido come prima impressione, decisamente più solido del . Come sappiamo però le buone impressioni possono durare poco.
  • L’apertura e la chiusura del telefono con una sola mano è un po’ un complicata a meno che non si voglia mettere a rischio il telefono con acrobazie particolari.
  • Appena acceso l’interfaccia (con tanto di ) appare un po’ poco reattiva e con alcuni rallentamenti (cos’è come sul DEXT).
  • Personalizzato con tutte le applicazioni AT&T (ovviamente non nella versione europea)
  • L’interfaccia è rimasta uguale, solo la disposizione degli widget al primo avvio è cambiata.
  • Tutte le funzioni di ricerca del telefono sono affidate a Yahoo! Search e non c’è modo di reimpostare Google. Non c’è dell’ironia in tutto questo? La versione europea comunque ha Google come motore di ricerca.
  • La tastiera è abbastanza comoda aiutata anche dal fatto che i tasti sono molto grossi visto che occupano tutta la superficie disponibile.
  • La fotocamera (da 5Megapixel) sembra migliore di quella del .
  • Lo schermo è un po’ piccolo (3,1 pollici), uno schermo più grande avrebbe sicuramente aiutato.
  • Il touchpad dietro lo schermo non sembra una funzione aggiunta. Non sembra rendere “più semplice” qualche operazione.


video