Google Navigator più vicino di quanto pensiamo

Emanuele Cisotti

Google Navigator

Secondo informazioni provenienti da più parti Google starebbe lavorando alla creazione di un software di navigazione GPS.

O meglio si parla di una implementazione del turn-to-turn in .

1. Google colleziona già i dati GPS degli utenti.

Al primo avvio di Android infatti una schermata ci avvisa che i nostri dati GPS (se selezionata la relativa voce) vengono utilizzati per migliorare il servizio. In particolar modo negli USA è già attivo un servizio di informazione sul traffico che migliora in base ai dati forniti dagli utenti Android stessi.

2. Google sta creando le sue mappe.

Il contratto fra Google e Tele Atlas è in scadenza e come possiamo vedere in alcune regioni usando Google Maps, alcuni luoghi sono già mappati soltanto con i dati a disposizione da Google.

googlemapdata

3. Google permette di correggere le mappe.

Già da un po’ di tempo Google permette di segnalare modifiche alle mappe. Cambi di nome, senzi unici, pedonalizzazioni ,incroci, semafori e quant’altro.

4. La navigazione è già presente nel Motorola Droid.

Chi l’ha provato dice che nel è già presente un software di navigazione che sfrutta Google Maps e il TTS per la sintetizzazione vocale. NON è il navigatore di Google ma è comunque una dimostrazione di come un navigatore con Google Maps sia possibile. A quanto pare poi il navigatore è ufficialmente sviluppato da Google in collaborazione con Motorola.

googleturnbyturn

5. Google venderà spazi pubblicitari.

Niente di nuovo. Come forse già farà con Google Music, la grande G si potrebbe lanciare con un navigatore GPS completamente gratis (difficile che Google faccia pagare un fisso mensile/annuale). Per avere comunque una fonte di guadagno verrebbero venduti spazi pubblicitari all’iterno del software stesso. Anche perchè il software sa dove siamo e dove vogliamo andare. Informazioni molto preziose per fornirci pubblicità mirate. Quello che già fa con i banner di adsense nei siti web.

Probabilmente il software non sarà pronto in tempo per Android 2.0, ma siamo disposti ad aspettare no?

Fonte: Androidandme