Come si installeranno le app di Goolge nelle nuove rom

acronimo

app google

Dopo la famossissima controversia tra Google e le rom Cyanogen la distribuzione delle applicazioni Google all’interno di rom Android cucinate è stata definita illegale. Alcuni cuochi si stanno adeguando alle nuove disposizioni ovvero preparare e distribuire ROM senza gli applicativi Google. Per quanto possa sembrare sconfortante la soluzione è molto semplice. Siamo tutti daccordo che Android senza gli applicativi di Big-G sarebbe un sistema operativo vuoto o comunque poco usabile. A tal proposito il mondo dev si sta adeguando tramite una procedura inserita all’interno delle recovery. Facciamo però prima un passo indietro per allineare le idee, cos è una recovery? Avete presente nel pc di casa quando all’accensione in fase di boot entriamo in quella schemrata blu in cui settiamo l’hardware del pc, l’oraio, la ram, la velocità del processore etc? In pratica la recovery mode è un insieme di utility raccolte in un pratico menù testuale che viene caricato tramite una combinazione di tasti prima che il sistema operativo Android venga avviato. Non sto qui ad elencare la procedura per installare una recovery, per questo potete rivolgervi al forum. Esistono moltissime recovery in circolazione e in genere ma non sempre vengono distribuite in linea con le rom cucinate. Veniamo al punto: una nuovissima funzione di queste recovery è la possibilità di fare il backup delle applicazioni di Google dalla nostra rom originale o attuale e quindi di ripristinarle successivammente all’interno di rom cucinate. Basterà quindi eseguire il backup una sola volta per avere sempre a disposizione le nostre G-applicazioni.