Tim e la Maxxi Dream 10 non rinnovata (Capitolo 3)

Emanuele Cisotti

logo_tim

Benvenuti al 3° capitolo di questa interessantissima saga per la blogosfera.

Siete pregati (se interessati) di leggere prima il capitolo 1 e il capitolo 2.

Stiamo qui parlando di alcune offerte Maxxi Dream 10 non rinnovate. Nel caso specifico della mia, di quella della mia fidanzata e quella del padre della fidanzata (entriamo nei dettagli, sennò si perde la narrazione :p).

Cominciamo con una buona notizia. Sulla numerazione dove era stata attivata per errore la Maxxi Day 10, sono stati resi i soldi e attivata la Maxxi Dream 10. Tutto è bene quel che finisce bene, se non fosse che per alcuni giorni si è dovuto usare un numero Vodafone per non intaccare il bonus della Maxxi Day 10 a cui non eravamo interessati.

Per il mio numero invece la storia si sta evolvendo così: dicono che il fax che ho inviato 9 giorni fa non è leggibile. E ci sono voluti 9 giorni e 2 telefonate (mie) per far venire fuori questo piccolo particolare. Stasera ho reinviato il fax in carattere Times New Roman 18 e questa volta specificando i soldi (precisi) che mi sono stati presi a causa di 2 Maxxi Dream 10 non rinnovate: 30,42€.

Mi richiameranno? Rimanete sintonizzati… e se avete lo stesso problema inviate anche voi un fax all’ 800600119 (e ricordate il carattere deve essere almeno 18 sennò non li leggono! :D).

P.s. nel nuovo fax ho fatto riferimento a questi post, per fargli presente che i suoi clienti non sono proprio tutti scemi.

Pensavate che fosse finito?

NO! Mancava la storia del 3° numero eh, ve n’eravate accorti vero :D?

Questo numero è senza offerta da ben 20 giorni che è senza offerta (ha preferito non rinnovarla per ora), e gli è stato detto all 119 (dopo che LUI ha chiamato) che la pratica è stata chiusa. Ci sono voluti quindi circa 20 giorni e circa 5 telefonate per scoprire che la segnalazione non era stata presa in considerazione. La motivazione è stata che poichè aveva fatto il cambio SIM l’offerta aveva perso la sua “autorinnovabilità” e che quindi la colpa è del negoziante che non l’ha avvertito. Ora dovrà farsi fare un foglio di “assunzione di colpa” da parte del negoziante e forse gli renderanno i soldi presi.